12 Mag 2019

Non solo libri a Torino/1. Virzi ” Aree protette regionali realtà vitale e fondamentale per l’entroterra”

Al Salone del Libro di Torino, presso lo stand dell’Alleanza delle Cooperative italiane, Coop Dafne ha partecipato alla tavola rotonda “Tutelare e raccontare la biodiversità e il territorio”.
Davide Virzi, vice presidente coop DAFNE, ha portato e raccontato la ventennale esperienza di DAFNE nel campo della divulgazione ambientale e del turismo naturalistico, sottolineando il fondamentale ruolo delle aree protette liguri per la conservazione dell’ambiente ma anche l’importante attività delle guide, degli educatori ambientali e delle tante cooperative attive nel settore della valorizzazione e promozione dei territori.
” Parli della Liguria e subito vengono in mente le Cinque Terre, dove il Parco Nazionale già da qualche anno deve far fronte ad un numero di visitatori che forse non è più sostenibile per un territorio così spettacolare ma anche così fragile e delicato – sottolinea Davide Virzi, vice presidente coop DAFNE -. La Liguria dei parchi però non è solo Cinque Terre, la rete delle aree protette regionali, malgrado i continui tagli finanziari e la poca attenzione da parte del mondo politico, è una realtà vitale ed importante soprattutto per quei territori dell’entroterra che hanno visto e subito negli ultimi anni la scomparsa delle Comunità Montane e delle Province. Il Parco delle Alpi Liguri, il Parco del Beigua (riconosciuto anche come Geoparco Unesco), il Parco dell’Antola, il Parco del Beigua, il Parco di Portofino, il Parco di Portovenere e il Parco di Montemarcello-Magra, senza dimenticare la rete delle Aree Marine Protette, proteggono e valorizzano un patrimonio naturalistico, paesaggistico e storico-culturale davvero senza eguali”.
La Coop Dafne a Torino ha sottolineato anche l’importanza dell’attività dei Centri di Educazione Ambientale, molti dei quali in Liguria gestiti da cooperative, che grazie alla loro attività capillare sul territorio ogni anno coinvolgono nelle loro attività migliaia di studenti.
” Sono proprio le nuove generazioni che, consapevoli del valore ambientale dei loro territori, – ha concluso Davide Virzi nel suo intervento – dovranno essere nel prossimo futuro protagonisti nella tutela e valorizzazione sostenibile dell’ambiente e delle sue risorse”.

Condividi
Tags:

Commenti