28 Giu 2019

Inaugurata la residenza protetta “Casa del Clero – Sacro Cuore”, realizzata da Cooperarci con la Diocesi di Albenga-Imperia

E’ stata inaugurata oggi ad Albenga la residenza protetta “Casa del Clero – Sacro Cuore”, struttura realizzata da Cooperarci in collaborazione con la Diocesi di Albenga-Imperia.

La Residenza Protetta “Casa del Clero – Sacro Cuore” è situata in Albenga in via Mons Siboni 2 ed occupa il 4° e 5° piano dell’immobile.

” La Residenza protetta rappresenta un elemento che concorre alla realizzazione della rete dei servizi per anziani rispondendo alle esigenze del territorio dove si registra un incremento delle classi d’età anziane con una parziale o totale non autosufficienza – sottolinea Laura Gengo, presidente di Cooperarci -. La struttura è quindi articolata in modo da offrire prestazioni sanitarie ed assistenziali per il soddisfacimento dei bisogni personali al fine di concorrere al mantenimento di una buona qualità della vita nel rispetto della dignità della persona”.

La Residenza Protetta “Casa del Clero – Sacro Cuore”, completamente ristrutturata, può ospitare 24 ospiti non autosufficienti e parzialmente non autosufficienti: 11 camere con 2 posti letto con bagno, 2 camere con 1 posto letto con bagno. Oltre a tutti i servizi accessori ed obbligatori per una corretta gestione degli ospiti.

E’ presente al 2° piano una zona occupata da appartamenti protetti per la gestione di ospiti autosufficienti, dedicati a preti anziani della Diocesi di Albenga ed Imperia. Gli appartamenti sono strutturati con ingresso separato ed autonomo.

La struttura offre assistenza medica, assistenza infermieristica, assistenza tutelare e socio-assistenziale, assistenza riabilitativa, attività di animazione socializzazione, servizi generali e di pulizia, segretariato sociale, servizio alberghiero. A questi si affiancheranno servizi quali assistenza religiosa, parrucchiere e podologo.

La struttura, che ha già ottenuto da Alisa – Regione Liguria un primo Parere favorevole, aprirà la propria attività solo a seguito di autorizzazione definitiva al funzionamento.

Condividi
Tags:

Commenti