A Torino le imprese accelerano sulle infrastrutture. Granero ” Stretto legame tra porti, infrastrutture nazionali e corridoi europei”

A Torino nelle ex Officine Grandi Riparazioni sono intervenuti almeno 3mila imprenditori: 12 associazioni che rappresentano 3 milioni di imprese, oltre il 65% del Pil. Per parlare della Tav chiaramente, ma mettendo al centro la questione infrastrutture, grandi e piccole.
” Se siamo qui tra artigiani, commercianti, cooperative, industriali, qualcuno si dovrebbe chiedere perché” hanno detto in molti alla manifestazione.  Molti di quel “partito del Pil” che da settimane chiede interventi per sostenere lo sviluppo, gli investimenti, le grandi opere.
” La presenza di Legacoop Liguria – commenta Gianluigi Granero – vuole testimoniare il momento di emergenza che Genova e la Liguria vivono sul fronte delle infrastrutture non solo per la caduta del ponte Morandi. Il porto di Genova è al servizio del sistema del Nord – Ovest e tutta quest’area ha bisogno di un porto facilmente raggiungibile.
Questo significa che il sistema infrastrutturale deve essere connesso a livello nazionale e soprattutto nell’ambito dei corridoi europei che si completano vicendevolmente .
Ora analizzeremo con Roberto la Marca, che ha partecipato all’evento a Torino, il dettaglio degli interventi e delle proposte uscite all’ex Officine Grandi Riparazioni, per capire come proseguire questa azione di sostegno allo sviluppo – per noi purtroppo anche di ricostruzione – delle infrastrutture liguri e nazionali”.

Condividi
Tags:

Commenti