Interpellanza alla giunta regionale per sostegni alle società di mutuo soccorso

Di   /  17 settembre 2013   

mani che si aiutano

Valter Ferrando consigliere del Pd e presidente della Commissione Affari generali, Istituzionali e Nomine, ha presentato un’interpellanza alla giunta regionale per sollecitare  sostegni operativi  a favore delle società di mutuo soccorso.

«Con la legge 221 del 2012 – spiega Ferrando – sono state introdotte alcune modifiche alle norme sulle funzioni e sulla sfera di attività delle società di mutuo soccorso, che devono iscriversi nella sezione imprese sociali presso il registro delle imprese. Le  modalità di iscrizione sono state definite in un successivo decreto ministeriale del 19 maggio scorso, che ha stabilito nel 19 novembre prossimo il termine ultimo entro cui le società dovranno presentare l’istanza di iscrizione al registro della Camera di commercio».

Questa operazione consentirà di rafforzare e ampliare il settore di intervento delle società di mutuo soccorso, «che in tanti anni, a partire dalla metà dell’800, hanno svolto un ruolo rilevante in campo sociale. Tuttavia in questa fase transitoria – conclude Ferrando – è necessario un sostegno alle società per assicurare che il percorso delineato dalle nuove norme e l’iscrizione possa avere un esito sicuro e positivo».

E’ quindi necessario supportare tecnicamente le sms per agevolarne l’inserimento negli elenchi delle Camere di commercio della regione.

Nel documento, sottoscritto da tutti i gruppi di maggioranza, si chiede, quindi, alla giunta “quali iniziative intenda assumere nei confronti di altri soggetti pubblici, a partire dalle Camere di commercio, affinché, con un’adeguata azione di sostegno, la scadenza indicata dal decreto ministeriale possa essere superata con il rafforzamento di un’importante rete di solidarietà sociale”

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

foto1

Se l’azienda chiude i lavoratori se la comprano. E nell’81% dei casi gli danno un futuro

Read More →