Treni. Ripartono due delle tre linee bloccate dal crollo del ponte

Giovedì 4 ottobre verranno riaperte due delle tre linee ferroviarie in val Polcevera bloccate dal 14 agosto in seguito al crollo del Ponte Morandi, con immediati miglioramenti per il traffico merci e passeggeri. Saranno 82 i treni viaggiatori regionali che permetteranno i collegamenti diretti via ferrovia, senza più dover cambiare mezzo di trasporto, sulle linee Genova – Acqui Terme (26 collegamenti), Genova – Rivarolo – Busalla (24 di cui 6 con capolinea a Genova Piazza Principe invece che Brignole) e Genova – Arquata – Novi Ligure (32 treni). La linea “sussidiaria” rimane ancora bloccata ma il numero di treni in circolazione a luglio verrà garantito ugualmente su 4 invece che su 6 binari, con qualche variazione di orario e di tempi ma cercando, per quanto possibile, di rispettare i vecchi orari per non incidere troppo sulle abitudini degli utenti.

I nuovi orari ( scarica sul nostro sito) saranno disponibili su sito, app e biglietterie self service di Trenitalia dalla notte tra il 3 e il 4 ottobre. Da oggi vengono comunicati alle associazioni consumatori, ai comitati dei pendolari e diffusi attraverso mezzi di informazione e locandine nelle stazioni e nel sito di Trenitalia. Confermati, inoltre, i quattro collegamenti straordinari già attivi nei giorni feriali fra Savona e Genova e i 14 fra Savona e Sestri Levante nelle giornate di sabato e nei festivi. Trenitalia, per facilitare la mobilità dei cittadini, continuerà a garantire che i treni abbiano il maggior numero di carrozze in composizione per offrire un numero di posti adeguato alle necessità.

“Abbiamo chiesto a Trenitalia un nuovo orario stabile, da non cambiare ancora salvo piccoli eventuali aggiustamenti – spiega l’assessore ai trasporti della Regione Liguria Gianni Berrino – e abbiamo ricevuto garanzie che sarà così, pur nella difficoltà di gestire lo stesso volume di traffico su 4 invece che su 6 linee. L’offerta ferroviaria tornerà ai livelli che erano garantiti dalle due linee prima del crollo. Con due linee su tre a disposizione ci sarà qualche allungamento nei tempi di percorrenza ma avremo lo stesso numero di treni di prima. Tutti gli abitanti, tutti i pendolari e gli studenti della Valpolcevera ma anche di Acqui, Ovada, Busalla, del basso Piemonte potranno arrivare a Genova passando per Sampierdarena, o potranno andare a Sampierdarena, Sestri e altre località del ponente genovese senza dover passare per Principe, che in questi 50 giorni è stato il nodo attorno al quale ruotavano tutti i collegamenti. La stazione non Questo garantirà anche un alleggerimento del traffico privato: i cambi regolari renderanno l’opzione treno nuovamente comoda e competitiva”.

Per quanto riguarda le merci, la linea “Sommergibile” che entra in porto con due binari permetterà di liberare finalmente le merci arrivate in porto con il treno. I 1300 camion stimati che ogni giorno transitano dal porto non ci saranno più. “Gli spedizionieri – commenta ancora Berrino – sapranno che si torna alla situazione precedente al crollo con la linea ferroviaria a disposizione, con facilità e velocità di smaltimento verso i retroporti”. Infine, l’assessore Berrino ha espresso soddisfazione per la promozione “Vieni a scoprire Genova in treno”, presente sulla homepage del sito di Trenitalia. “Un’iniziativa importante- ha detto l’assessore Berrino – perché trasmette il messaggio che Genova non è isolata, ma assolutamente raggiungibile e che il modo più agevole per raggiungerla è il treno, lasciando a casa, se non strettamente necessari, i mezzi privati”.

Condividi
Tags:

Commenti