2 Apr 2019

Il modello della Cooperativa Olivicola di Arnasco conquista i giovani

Visita della scuola primaria di Alassio alla Cooperativa Olivicola di Arnasaco. Una vera e propria giornata didattica con la visita frantoio, al Museo dell’olivo e della civiltà contadina. Proseguendo poi tra gli uliveti e imparando l’arte dei muretti a secco.
” Il riconoscimento dell’Unesco che ha iscritto “L’Arte dei muretti a secco” nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell’umanità – sottolinea il presidente della Cooperativa, Luciano Gallizia – è per gli uomini e le donne che per secoli hanno terrazzato i pendii delle colline per renderli coltivabili e per chi ha continuato questa opera anche quando non era di “moda”. E’ un patrimonio che ora dobbiamo tramandare ai giovani, facendo visitare i luoghi, spiegando come cresce e si difende un uliveto, raccontando il lavoro oscuro e faticoso che c’è dietro”.

Un racconto che arriva proprio da una cooperativa.

” Il passaggio di competenze e conoscenze da una generazione all’altra è uno dei compiti primari della cooperazione – sottolinea il presidente di Legacoop Liguria, Mattia Rossi -. In questo modo  si trasferisce non solo il patrimonio economico delle imprese ma pure il know how tecnologico che permette ai più giovani di affrontare il mercato con competenze consolidate nel tempo. Questo vale in tutti i settori ma sicuramente oggi l’agricoltura rappresenta una delle realtà dove è necessario investire ancora di più per un futuro sostenibile della nostra regione”.

Condividi
Tags:

Commenti