Cooperarci: Centro Diurno di Savona esempio nel sociale. E ora si lavora per aprirne altri

Il Centro Diurno di Savona era nato 16 anni fa come una sperimentazione.

” Così è stato e così vogliamo che continui ad essere perché la sperimentazione deve essere al centro della nostra azione – spiega Esther Di Benedetto, Coordinatrice Centro Diurno Alzheimer Savona per la Cooperativa Cooperarci -. Certo è che seppur tarato su soli 25 posti, che non possono certamente rispondere alle esigenze del territorio, questo Centro Diurno oggi sta facendo la storia del territorio. Non è un caso che stiamo lavorando per aprirne altri”.

Cooperarci per celebrare i 35 anni di attività ha realizzato a Savona un convegno sull’ Alzheimer che colpisce sempre di più persone e famiglie, mettendo insieme esperti ed esperienze provenienti da tutta Italia.

” I nostri temi sono quelli del sociale – commenta la presidente di Cooperarci, Laura Gengo – . In questo primo convegno ne abbiamo raccontato alcune parti, partendo proprio dall’esperienza del Centro Diurno di Savona, continueremo questo impegno di confronto e arricchimento. Su Savona abbiamo sempre lavorato in sintonia con tutto il territorio, certo oggi è tutto più difficile ma al centro mettiamo sempre  la qualità dei nostri servizi. E questo ci viene riconosciuto da tutte le realtà che lavorano in questo settore”.

Guarda le video interviste a Gengo e Di Benedetto.

Condividi
Tags:

Commenti