19 Nov 2013

Coop Diciannove più Istituto Calvino. La scuola 2.0 diventa realtà

Decolla il progetto di innovazione didattica dell’Istituto comprensivo Italo Calvino di Sanremo in collaborazione con la Cooperativa Diciannove, azienda ligure esperta nell’innovazione tecnologica dei processi formativi e organizzativi.

Il progetto Classi 2.0 coinvolgerà nell’anno 2013/2014 le tre classi prime della scuola secondaria di primo grado per poi allargarsi all’intero triennio e comprendere anche le classi quinte della scuola primaria entro il 2017. L’ambizione è di arrivare ad essere una vera e propria scuola 2.0.

Gli allievi della scuola sono stati dotati di tablet Android da 10.1 pollici che vanno ad integrare e in alcuni casi sostituire i materiali didattici tradizionali.

“ I tablet sono forniti con tecnologie all’interno per la lettura e la scrittura direttamente in aula – – spiega Antonio  Scarlatelli, presidente della Cooperativa Diciannove ( vedi l’intervista allegata) – L’Istituto è stato dotato di una Rete interna per gestire i contenuti grazie alla quale professori e studenti  interagiscono grazie a queste nuove tecnologie. Un progetto, all’avanguardia in Italia,  che porta anche un vantaggio economico per le famiglie”.

L’Istituto intende, così, portare le tecnologie multimediali in classe, mettendole a disposizione degli studenti, stimolando l’interazione e la collaborazione.

La Cooperativa Diciannove ha scelto i tablet Archos 101XS per la fornitura all’Istituto Calvino, si tratta di veri e propri piccoli pc dotati di tastiera rimuovibile e touchscreen, così da garantire a tutti gli studenti la possibilità di interagire al meglio con i materiali multimediali. I tablet sono dotati di sistema operativo Android (liberamente aggiornabile e compatibile con centinai di migliaia di app) e prodotti dalla società leader di mercato in Francia e tra i principali produttori europei.

La collaborazione tra l’Istituto Calvino e la cooperativa non si ferma alla fornitura di tablet, ma comprende una consulenza completa sul progetto e una più ampia sperimentazione che include lo sviluppo di un sistema software dedicato alla gestione dei Bisogni Educativi Speciali nelle scuole di ogni ordine e grado, il censimento e la valutazione di app didattiche per Android.

È prevista anche un’attività di formazione dei genitori, alunni e personale docente.

Condividi
Tags:

Commenti