3 Set 2018

Arnasca d’Argento 2018: premiato il brevetto delle trappole per la cattura massale della mosca olearia

Si aprirà sabato 8 settembre alle 15 con una visita guidata ad alcuni dei bellissimi oliveti estesi su 120 ettari di terrazze liguri, il programma dell’edizione numero 23 dell’Arnasca d’Argento, il prestigioso riconoscimento che fa da fiore all’occhiello all’attività della Cooperativa olivicola di Arnasco, fondata nel 1984, con oltre 300 soci e una produzione di eccellenza di olio extravergine di oliva biologico, una “star” in bottiglia dal gusto delicato ed effetti benefici per la salute.

Quest’anno i premi saranno due:  uno andrà alla multinazionale greca Vioryl che detiene il brevetto delle trappole per la cattura massale della mosca olearia, evitando così l’uso di insetticidi chimici. Il secondo vincitore è ancora top secret e sarà svelato solo poco prima della cerimonia.

“Il progetto  sulla cattura massale è partito circa vent’anni fa, seguito dai nostri tecnici, a cominciare dal dott. Gianluca Bico e dal prof. Ruggero Petacchi dell’Istituto Sant’Anna di Pisa, mentre la Vioryl ha fornito le trappole”, spiega Luciano Gallizia, fondatore e anima della Cooperativa Olivicola, di cui è presidente da oltre trent’anni. Il programma della manifestazione, che si svolgerà in gran parte presso la sala del Museo dell’Olivo in piazza IV Novembre 8  ( scarica la locandina allegata), tocca diversi aspetti di un’attività  che unisce tradizione e sostenibilità ambientale.

Dopo la visita agli uliveti (a cura di Tommaso Bodini e Michelangelo Benza) e il saluto  del sindaco di Arnasco, Alfredino Gallizia,  è previsto un intervento introduttivo del presidente della Cooperativa, Luciano Gallizia, sul tema “Il perché della conservazione di un territorio biologico: tradizione e innovazione”. A seguire “Arnasco 1998-2018. Vent’anni di olivicoltura biologica e lotta alla mosca dell’olivo” (dott. Gianluca Bico).

Alle 17,40 è previsto l’intervento del dott. Ruggero Petacchi su “Mosca dell’olivo: ultimi vent’anni di ricerca”. Alle 18 sarà la volta di un altro argomento molto sentito: “Muretti a secco: storia di cooperazione” (dott. Samuele Cama).

Le tecniche di ripristino, difesa e costruzione di queste formidabili cinte di pietra anche quest’anno saranno illustrate durante il corso organizzato ad Arnasco  dal 10 al 14 settembre (le iscrizioni sono aperte anche sulla pagina facebook della Cooperativa Olivicola). Il momento clou della manifestazione è previsto alle 18,15 con la consegna dell’Arnasca d’Argento e del premio Gianni Alberti. Sarà poi allestito un banco di assaggio degli oli vergini di oliva e gran finale con un’apericena sotto le stelle.

Scarica gli allegati:

Programma.pdf
Condividi
Tags:

Commenti