Goal al Ferraris. Vince la cooperativa Genova Insieme

Di   /  22 luglio 2014   

Genova Insieme

Il calcio riprende con i ritiri estivi. Il primo piano negli stadi lo conquista una cooperativa genovese. Legacoop a livello nazionale ha infatti presentato il particolare servizio realizzato dalla cooperativa Genova Insieme.

A Genova infatti lo stadio lo gestiscono insieme i tifosi del Genoa e tifosi della Sampdoria. Ultras riuniti in un’unica cooperativa, nata subito dopo scontri violentissimi tra le due fazioni. Un esempio concreto di come uscire dalla spirale della violenza attorno ai campi di calcio sia possibile e di come la cooperazione possa giocare un ruolo positivo, anche in questo ambito.

La cooperativa si chiama Genova Insieme ed è nata nel 1992 da una stagione di scontri feroci tra gli ultras genoani e sampdoriani, avviati nella primavera del 1989 e culminati con 19 arresti, 7 feriti e molti danni. Nei giorni seguenti la Questura di Genova convocò i capi ultrà delle due squadre per ristabilire un dialogo tra le tifoserie rivali.

Il mondo istituzionale condannò duramente gli incidenti ed avviò una programma di educazione alla non violenza. Dallo sforzo comune delle tifoserie di Genoa e Sampdoria e della Commissione Consiliare per la prevenzione della violenza negli stadi, è nata la cooperativa sociale Genova Insieme, per svolgere manutenzione e pulizia dello stadio Luigi Ferraris prima e dopo le partite.

Attualmente la cooperativa – diventata nel frattempo di tipo B – dà occupazione a 80 persone tra soci e dipendenti, il 50% sono persone svantaggiate impegnate per offrire servizi di pulizia civile ed industriale, raccolta differenziata dei rifiuti, giardinaggio, gestione e custodia aree parcheggio, facchinaggio.

“Lo scopo statutario è l’inserimento nel mondo del lavoro di ragazzi particolarmente difficili – spiega Luigi Scotto, presidente di Genova Insieme, tra i soci fondatori della cooperativa – che in questo modo trovano nella cooperativa motivo di riscatto sociale. Il progetto viene considerato a bassa soglia, perché i ragazzi sono coinvolti nella gestione della cooperativa. Sono previsti, annualmente, corsi di riqualificazione professionale, di informatica, idraulica, elettricista, carpenteria in ferro, in collaborazione con Regione, Provincia, il Consorzio Omnia, Isforcoop, Ucil, il Centro Italiano Femminile, Associazione San Marcellino”.

La cooperativa Genova Insieme collabora con AVISMusic For PaceEmergencyMani Tesee da quindici anni opera anche presso Ikea Italia, la multinazionale svedese produttrice di mobili, attraverso la gestione del parcheggio macchine, supporto alla logistica, supporto alle vendite e al montaggio ed allo smontaggio dei mobili. “Il rapporto tra le due tifoserie è cambiato attraverso il lavoro quotidiano – racconta Scotto – siamo cresciuti sul piano professionale e maturati sul piano personale. La nostra fede calcistica per la squadra è rimasta invariata. Quando c’è il derby ognuno per conto suo. Sugli spalti siamo separati”.

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

book

Editoria, turismo, giochi da tavola e boschi vivi: le coop protagoniste al Book Pride

Read More →