Dalle ore 17 Allerta 2 nell’imperiese e in molte zone dell’entroterra ligure

Di   /  4 novembre 2014   

sicurlow2

La Protezione civile ha aumentato a 2, il massimo, il livello di allerta meteo, dalle 17 di oggi fino alle 24 di mercoledì nelle zone A e D, cioè nell’imperiese e nell’entroterra del savonese, ed anche nei bacini del Levante tra Tigullio e spezzino, dalle 21 di oggi alle 24 di domani. Nel genovese resta attivo l’allerta 1, sempre fino alla mezzanotte di domani.

Questo il testo diramato dalla Protezione civile regionale: «Sulla base della nuova situazione meteorologica è stato diramato lo stato di Allerta 2 nei Bacini Marittimi e Padani di Ponente che comprendono le province di Imperia e Savona fino a Noli compreso, le Valli Bormida e Stura, quest’ultima nel Genovesato, dalle 17 di oggi fino alle 23.59 di domani mercoledì 5 novembre. Stato di allerta 2 anche nei bacini liguri di Levante che comprendono il Tigullio, la Val Fontanabuona e tutto il Levante Ligure fino alla Spezia, comprese le Valli Magra e Vara dalle 21 di oggi alle 23.59 di domani mercoledì 5 novembre. Resta confermato lo stato di Allerta 1 invece nei bacini liguri di Centro e in quelli Padani di Levante con i capoluoghi Genova e Savona, Val Trebbia, Aveto fino alle 23.59 di domani mercoledì 5 novembre».

Il Comune di Genova ha riunito il Centro operativo comunale. Molte misure di prevenzione sono già in corso: costante monitoraggio delle situazioni a rischio, pulizia di tombini, caditoie e alveo deitorrenti, predisposizione delle condizioni per l’immediata attuazione delle misure previste in caso di dichiarata allerta con particolare riferimento a scuole, parchi.

Nella notte, piccoli allagamenti si sono verificati nell’estremo ponente della Liguria a causa di alcuni violenti temporali che hanno colpito la provincia di Imperia; stamani il tempo è caratterizzato da un pallido sole e da un forte vento, soprattutto sulla zona di Sanremo. A Genova, il vento forte ha provocato la chiusura temporanea di via Paolo della Cella, a Sampierdarena, per una impalcatura pericolante.

«Elevata probabilità di temporali forti e organizzati in strutture temporalesche estese e diffuse con conseguenti effetti al suolo». Questo il bollettino Arpal odierno che preannuncia a partire dal pomeriggio una progressiva intensificazione delle precipitazioni in estensione da Ponente a Levante. L’agenzia di previsione annuncia anche vento di burrasca forte. La Protezione civile regionale si riunirà per valutare la situazione. Permane, al momento, l’Allerta 1.

Queste le previsioni nel dettaglio:

OGGI, martedì 4 novembre 2014: dal pomeriggio progressiva intensificazione delle precipitazioni dapprima sul Ponente, successivamente in graduale estensione verso Centro e Levante. Le piogge avranno intensità tra moderata e forte, localmente anche molto forte e risulteranno persistenti con quantitativi elevati. Alta probabilità di temporali e rovesci forti e organizzati. Si segnalano, oltre alle piogge, anche venti da Sud, Sud-Est persistenti da burrasca a burrasca forte (con raffiche superiori a 70-80 km/h) e mareggiate intense nel corso della seconda parte della giornata su tutte le coste esposte, più intense sul ponente.

DOMANI, mercoledì 5 novembre 2014: fino alla prima parte della giornata piogge diffuse e persistenti, localmente anche a carattere di rovescio o temporale forte, con quantitativi areali elevati. I fenomeni tenderanno ad attenuarsi sul Ponente nel corso della giornata mentre risulteranno più persistenti sul resto della Regione dove si avrà instabilità residua fino alla serata. Parziale calo e rotazione della ventilazione con tendenza alla disposizione dei venti da Sud-Sud-Ovest. Lento calo del moto ondoso con residue mareggiate fino alla prima parte della giornata.

DOPODOMANI, giovedì 6 novembre 2014: residue deboli precipitazioni sparse.

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

foto1

Se l’azienda chiude i lavoratori se la comprano. E nell’81% dei casi gli danno un futuro

Read More →