Cooperarci lancia le nuove tappe del “3 x 30” a Savona e Carcare

Di   /  26 febbraio 2014   

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Seconda e terza tappa del progetto “ 3 x 30 “ realizzato dalla Cooperativa Sociale “Cooperarci” di Savona.

Nel corso del mese di giugno 2013 è stato avviato il gruppo di supporto rivolto ai familiari dei bambini in età di nido e scuola d’infanzia: a Pietra Ligure presso l’Asilo nido Comunale Interazienda L’ape Birichina, il gruppo ha avuto molto successo e prosegue la sua attività riunendosi una volta al mese con regolarità.

Ora è la volta del “ Centro Diurno L’albero della Vita”  di Savona   e del Centro Ragazzi di Carcare  nei locali del centro a Carcare in Via del Collegio.

Il progetto “ 3 per 30” che prende avvio al Centro Diurno L’albero della Vita di Savona ( via Stalingrado 94 A, info tel 3666040840)  è aperto ai familiari di anziani assistiti al Centro Diurno oppure a domicilio o in struttura. Il gruppo condotto dallo psicologo Luca Buffa dà uno spazio alla possibilità confrontarsi sulle tematiche del sostegno ai propri familiari con diversi gradi di difficoltà e patologie.

Il Centro Diurno L’Albero della Vita di Savona è un servizio strutturato come un servizio rivolto agli anziani con vario grado di declino funzionale e/o cognitivo. Si tratta di una risorsa significativa sotto diversi aspetti: consente il mantenimento della qualità della vita dell’anziano  che al Centro diurno può valorizzare le proprie funzioni residue attraverso attività occupazionali e di animazione ritrovando, però, ogni sera, il conforto del ritorno a casa e, contemporaneamente, concede sostegno e sollievo ai familiari dell’anziano. Nasce da un protocollo di intesa firmato nel 2002 da Comune di Savona, Zona sociale n° 7, A.S.L. 2, Opere Sociali di N. S. di Misericordia, Auser provinciale Centro Alzheimer.

Il Centro Ragazzi di Carcare, servizio storico del Comune di Carcare gestito da 30 anni da Cooperarci, ospiterà la terza edizione del progetto 3 per 30, offerto questa volta ai familiari dei bambini e ragazzi in età di Scuola Primaria e Scuola Media.

Il gruppoavviato a Carcare è aperto ai genitori e familiari impegnati attivamente al sostegno ed alla crescita dei ragazzi: alla guida della psicologa Gaia Guastamacchia nel gruppo si potranno scambiare liberamente esperienze e consigli legati a tematiche educative. La scuola, il rapporto con le figure di autorità, le relazioni dei ragazzi con gli amici, le difficoltà dei genitori,  tutti questi sono validi esempi di argomenti che potranno essere discussi insieme. Gli incontri sono gratuiti e aperti alle famiglie del territorio che potranno partecipare liberamente secondo le proprie esigenze e disponibilità.

“La cura rappresenta una delle funzioni chiave della famiglia – spiega Laura Gengo, presidente di Cooperarci -. Riconoscere, promuovere e valorizzare la cura significa quindi progettare gli interventi necessari partendo dalle esigenze delle persone e del contesto relazionale in cui esse sono inserite. I servizi pertanto devono essere organizzati non solo pensando alle persone da curare, ma anche a chi se ne occupa tutti i giorni. Con queste premesse nasce il progetto “ 3 x 30” con la realizzazione di azioni di sostegno alla famiglia”.

Il progetto “ 3 x 30” , avviato a giugno, è finanziato dalla Fondazione De Mari a Savona.

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

pres1

Decolla a Imperia il Presidio di Legalità. Così prosegue la lotta alla concorrenza sleale

Read More →