Approvate nuove norme sulla pesca. Lega Pesca : ” Siamo soddisfatti “

Di   /  19 luglio 2013   

Pescaturismo1

Sono state approvate oggi dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’agricoltura Giovanni Barbagallo, le nuove norme a tutela della pesca professionale e non professionale in Liguria. Il nuovo disegno di legge modifica la legge regionale del 2009,   introducendo alcune disposizioni per favorire il rispetto delle norme nazionali già esistenti, che regolano la pesca non professionale, per evitarne l’esercizio illegale. Tra queste l’obbligo del taglio della pinna della coda  per identificare le catture ed evitare la vendita illegale e la marcatura degli attrezzi non individuali, come nasse e palamiti. Inoltre viene prevista la realizzazione di un database della pesca non professionale in Liguria, a partire dai dati nazionali, implementati con l’acquisizione  di ulteriori informazioni circa le aree più interessate dal fenomeno e le abitudini di pesca, per avere un monitoraggio aggiornato.

“Siamo molto soddisfatti che con le nuove norme approvate dalla Regione Liguria siano state recepite le  istanze delle associazioni cooperative della pesca professionale – dichiara Barbara Esposto, responsabile regionale di Legacoop Lega Pesca –  Un primo passo che consentirà ai “veri” pescatori dilettanti e/o sportivi di mantenere la loro dignità mentre sarà  possibile contrastare il fenomeno dell’abusivismo e della concorrenza sleale praticata da persone che arrecano danno sia al settore professionale sia a quanti rispettano le regole”.

 

Ammontano infatti a più di 160.000 i praticanti della pesca sportiva e ricreativa in Liguria, un fenomeno diffuso che ha raggiunto dimensioni ragguardevoli, come messo in evidenza anche dal recente censimento della pesca non professionale promosso dal Ministero delle politiche agricole. “Il provvedimento approvato oggi – spiega l’assessore Giovanni Barbagallo – risponde alle numerose richieste e segnalazioni provenienti dal comparto della pesca professionale che ha chiesto il nostro impegno per scongiurare la sleale concorrenza della pesca non professionale illegale. Il disegno di legge è stato infatti costruito attraverso il confronto con le associazioni di pescasportiva e dilettantistica che hanno condiviso la necessità di distinguere il pescatore sportivo e dilettante da chi esercita in maniera illegale”.

Lo schema di disegno di legge approvato dalla Giunta passa ora all’esame della Commissione consigliare competente e successivamente in Consiglio regionale per l’approvazione definitiva.

  • Barni " Il miglior complimento? Coopculture è un network nazionale "
  • Costa " Costa e coop: convinciamo insieme i Ministeri a fare gare premiando la produttività"

You might also like...

mac

SWG e Legacoop Liguria: una ricerca spiega i giovani alle prese con la rivoluzione digitale

Read More →