Alta Formazione. Ecco le foto di tutti i cooperatori premiati

Di   /  15 giugno 2017   

foto52

Giornata finale  dei due percorsi di Alta Formazione in Liguria per cooperative sociali (e trasversale per tutti i settori) promossi da QUADIR – Scuola di Alta Formazione Cooperativa insieme a Isforcoop. Una giornata con la premiazione di tutti i partecipanti e la presentazione dei progetti di comunicazione.

Il percorso formativo per le cooperative di tutti i settori aveva come obiettivo quello di favorire la crescita manageriale e professionale dei dirigenti e dei quadri delle cooperative coinvolte fornendo strumenti e competenze per affrontare la realtà complessa e in continua evoluzione in cui operano.

Dal management e governance cooperativa alle strategie di marketing e comunicazione. dagli scenari economici e strumenti di finanziamento alla gestione e sviluppo risorse umane, senza dimenticare il bilancio di esercizio e il controllo di gestione

Il percorso formativo per le cooperative sociali ha messo al centro valore e potenzialità di questo settore per favorire la crescita, le competenze e le capacità di innovazione delle imprese impegnate in questo settore.

Una giornata suggellata dall’intervento di Paolo Venturi, Direttore di AICCON, Centro Studi promosso dall’Università di Bologna e dall’Alleanza delle Cooperative Italiane e direttore di The FundRaising School.

” Facciamo formazione per insegnare alle cooperative come rischiare sul fronte dell’innovazione – ha detto Venturi -. E innovare significa includere, quindi condividere, quindi collaborare. Tutto questo è la cooperazione”.

Guarda tutte le foto dei premiati ( tre pagine di fotogallery) e le video interviste a Gianluigi Granero, presidente Legacoop Liguria,  e Raffaella Curioni, presidente di Quadir.

[Not a valid template]

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

foto1

Se l’azienda chiude i lavoratori se la comprano. E nell’81% dei casi gli danno un futuro

Read More →