Allarme sui muscoli della Spezia? Le controanalisi dicono che invece è tutto a posto

Di   /  13 luglio 2015   

muscoli2

Allarmi sui muscoli della Spezia? La Cooperativa Mitilicoltori Spezzini dice basta. Le controanalisi hanno dato esito negativo. Qualsiasi allarmismo è senza senso. E allora ?

” Partiamo dal dato unico e certo – spiega la Cooperativa Mitilicoltori Spezzini in un comunicato specifico -. Le controanalisi effettuate a distanza di soli 4 gg sulla zona ponente esterna ( seguite personalmente da noi venerdì u.s. ) hanno dato esito negativo ( NON SOLO i muscoli di quella provenienza si possono mangiare crudi e non depurati), oggi infatti è stata ritirata l’ordinanza di chiusura della zona e si potranno commercializzare i mitili in essa allevati. E allora cos’è successo lunedì scorso ? Sono stati effettuati correttamente i campionamenti ? Questa volta andremo sino in fondo per capire la metodologia di prelevamento e individuare eventuali altrui responsabilità. Nel frattempo l’allarme lanciato con la chiusura delle zone ed i titoli allarmistici e in taluni casi fuorvianti delle locandine dei quotidiani hanno provocato danni enormi in termini di immagine e di vendite per le sospensioni in attesa di accertamenti .

C’è anche chi in settimana ha sfruttato questa chiusura per giustificare la moria dei mitili di quest’inverno assolvendo il dragaggio e accusando gli scarichi fognari dei comuni del nostro splendido golfo.

I muscolai spezzini ora dicono basta !
Dovete rispettarci , capire che quest’attività secolare non serve solo per vanto di avere i muscoli della Spezia da portare all’Expo’ , dovete capire che grazie a quest’attività vivono oltre un centinaio di famiglie e che se non saranno aiutate moltissime di esse andranno in sofferenza !
Ma ve la immaginate Spezia senza muscoli

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

foto1

Se l’azienda chiude i lavoratori se la comprano. E nell’81% dei casi gli danno un futuro

Read More →