Mareggiata e danni alle coop/5: Coop Ormeggiatori. Travolti dalle onde pensando solo a salvare le navi

Uomo in mare. Un uomo della Coop Gruppo Ormeggiatori di Savona  e Vado Ligure.
Roberto Faccioli impegnato a mollare gli ormeggi dell’Eurocargo della Grimaldi.  Travolto da un’onda più forte e più alta delle altre che ha superato i frangiflutti.
” La squadra è riuscita a riportarlo sulla banchina dopo alcuni momenti drammatici – spiega Marco Balestrino, presidente della Cooperativa -. In trent’anni un mare così non lo avevamo mai visto. Altri momenti difficili? Capire come muoversi con le tre navi in disarmo della Corsica Ferries a Vado Ligure. Una ha poi strappato gli ormeggi, e grazie ai rimorchiatori siamo poi riusciti a metterla in sicurezza a Savona”.
Venti soci di una Cooperativa che lavora insieme a piloti e rimorchiatori per garantire la sicurezza dell’entrata e dell’uscita delle navi dai porti di Vado e Savona.
” Una collaborazione che anche in quel giorno drammatico si è vista, grazie ad un costante coordinamento con la Capitaneria di Porto – prosegue Balestrino -. Anche per prendere le decisioni più difficili come quelle di lasciare andare in rada alcune navi più grandi e fare entrare quelle più piccole”.
E ora ?
” Occorre partire immediatamente con interventi su banchine e moli danneggiati . Peraltro anche il moletto davanti alla nostra sede è collassato – conclude il presidente della Cooperativa Ormeggiatori -. Ogni ritardo porterebbe a perdite di traffico che in questo settore sono sempre difficilmente recuperabili”.
Intanto proprio ieri ( vedi la foto sotto) sono stati recuperati in mare alcuni parabordi galleggianti fondamentali in banchina. Si riparte anche da qui. Ricostruendo le banchine anche dalle attrezzature fondamentali.

Condividi
Tags:

Commenti