22 Dic 2015

Legacoop Servizi “Tassa sul licenziamento: ora passare dalle parole ai fatti”

Legge di stabilità: approvato un ordine del giorno che impegna il Governo a valutare la cancellazione permanente del contributo che dovrebbe entrare in vigore dal 1° gennaio 2016.

Agci Servizi, Federlavoro e Servizi Confcooperative, Legacoop Servizi, Anip Confindustria, Unionservizi Confapi, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltrasporti Uil, ovvero imprese e organizzazioni sindacali del settore pulizie e servizi integrati/multiservizi, chiedono con forza di eliminare il pagamento di un contributo ingiusto e contradditorio, una richiesta avanzata al Governo più volte nei mesi scorsi: con l’applicazione della clausola sociale prevista nel ccnl, i lavoratori che passano dall’azienda cessante a quella che si è aggiudicata l’appalto non perdono il lavoro, quindi non ha senso il pagamento del contributo.

” E’ una contraddizione in termini, che determina un ingiustificato e pesante aumento del costo del lavoro per le imprese e che non determina alcun positivo effetto sul lavoratore, che viene rioccupato senza alcuna interruzione – si legge nella nota congiunta -.  La consapevolezza e la condivisione delle forze parlamentari, di governo e di opposizione, dimostrata con numerosi emendamenti presentati alla legge di stabilità da tutti i gruppi parlamentarie l’alto numero di firme apposte su uno specifico ordine del giorno, approvato dal Governo,inducono a ritenere che il Governo stesso valuterà con la massima attenzione la nostra richiesta intervenendo nel più breve tempo possibile già nel prossimo Decreto proroghe.

Condividi
Tags:

Commenti