Via al progetto CoopLiguria Startup. 200.000 euro per nuove cooperative

Di   /  20 marzo 2015   

logo startup

In occasione del 70° anniversario della sua costituzione, Coop Liguria, in collaborazione con Legacoop Liguria e con ‘Coopstartup’ di Coopfond, ha presentato il progetto ‘CoopLiguria Startup’, volto a promuovere la creazione di nuove imprese cooperative, favorendo lo sviluppo di idee imprenditoriali capaci di apportare benefici alla comunità locale.
Il progetto si rivolge a giovani under 40, o a cooperative inattive costituite da meno di 12 mesi, e prevede non solo il finanziamento delle idee imprenditoriali più convincenti, ma anche un articolato percorso di formazione e tutoraggio.
” Quando settant’anni fa i cooperatori diedero vita a Savona al primo nucleo di quella che oggi sarebbe diventata Coop Liguria, non si chiesero che cosa lo Stato o altre istituzioni potevano fare per loro – commenta Francesco Berardini, presidente di Coop Liguria -. Si misero insieme e diedero una risposta alle esigenze di quel tempo.
Oggi noi vogliamo fare lo stesso, dando ai giovani un’occasione per “fare da loro”. Ma aiutandoli e accompagnandoli con iniziative come questa”.
È prevista l’attivazione di un bando che partirà il 7 aprile e rimarrà aperto fino al 31 luglio 2015.
Le domande di partecipazione dovranno dunque pervenire entro quella data, utilizzando la piattaforma informatica del progetto ‘Coopstartup’, raggiungibile dal sito internet www.liguria.e-coop.it
I progetti saranno selezionati da un Comitato di Valutazione di altissimo profilo, composto da esponenti di spicco del mondo dell’Università, della ricerca e dell’imprenditoria: Enrico Giunchiglia, Pro-Rettore e Professore ordinario di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni presso il Dipartimento di Informatica, Bioingegneria, Robotica e Ingegneria dell’Università di Genova; Manuela Arata, Presidente del Festival della Scienza; Nicoletta Buratti, professore associato di Management e Marketing dell’Innovazione presso il Dipartimento di Economia dell’Università di Genova; Salvatore Majorana, Direttore Technology Transfer dell’Istituto Italiano di Tecnologia-IIT; Francesco Berardini, Presidente di Coop Liguria.
” Un Comitato che coinvolge in pieno anche il mondo dell’Università con il quale lavoriamo da tempo insieme – sottolinea Gianluigi Granero, presidente di Legacoop Liguria -. Con gli studenti abbiamo avviato da tempo numerosi laboratori e simulazioni e già la prossima settimana gli presenteremo questo progetto”.
Entro il 30 settembre 2015, saranno selezionate fino a 30 idee progettuali, che accederanno a un percorso di formazione e tutoraggio, con l’obiettivo di aiutare i partecipanti ad articolare un piano imprenditoriale vero e proprio. Coloro che accederanno a questa fase potranno contare su un affiancamento personalizzato, sulla supervisione di un tutor e sull’apporto di esperti, individuati in base alle caratteristiche di ciascun progetto.
I piani imprenditoriali così elaborati dovranno essere presentati entro e non oltre il 18 dicembre 2015. Entro gennaio 2016, il Comitato di Valutazione annuncerà i 10 progetti ammessi al finanziamento, che potranno contare sui seguenti contributi:
15 mila euro da Coop Liguria, tramite prestito non oneroso da trasformare in donazione, a fronte di un andamento della cooperativa coerente con il piano imprenditoriale presentato; 5 mila euro dal Fondo mutualistico per la promozione cooperativa Coopfond (solo per le cooperative di nuova costituzione); possibilità di accedere a un finanziamento pari a un massimo del 50% degli investimenti, tramite istruttoria, nell’ambito del sostegno alle imprese cooperative previsto da Coopfond.
” Il mondo cooperativo è uno straordinario incubatore di imprese – aggiunge Mauro Lusetti, presidente nazionale di Legacoop, intervenuto a Genova alla presentazione del progetto – . Le relazioni tra le nostre imprese, la capacità di vivere determinati valori (l’intergenerazionalità e la mutualità innanzitutto ) rendono il nostro mondo il luogo ideale per far nascere e sviluppare l’autoimprenditorialità dei giovani”.
I progetti vincitori, inoltre, saranno affiancati per 36 mesi con un accompagnamento post-startup nelle aree amministrazione, finanza e controllo di gestione; comunicazione, marketing e commercializzazione; fiscalità e lavoro; agevolazioni e finanziamenti; organizzazione e risorse umane.
Qualora fra i progetti presentati non ne risultassero dieci giudicati meritevoli di finanziamento dal Comitato di Valutazione, il bando verrà riaperto.
” E’ un progetto che va incontro a quella che è la vera emergenza occupazionale – spiega Roberto Dasso, direttore generale di Arsel -. 51.000 dei 73.000 disoccupati in Liguria sono nella fascia tra i 15 e i 44 anni e quindi occorre sostenere le persone che sono in questa fascia a crearsi anche direttamente un lavoro.
Perché in questo senso invece i dati sono positivi. I giovani dimostrano di voler creare impresa e molti scelgono proprio la formula cooperativa”.

  • Barni " Il miglior complimento? Coopculture è un network nazionale "
  • Costa " Costa e coop: convinciamo insieme i Ministeri a fare gare premiando la produttività"

You might also like...

mac

SWG e Legacoop Liguria: una ricerca spiega i giovani alle prese con la rivoluzione digitale

Read More →