Tempo di Natale al MUCast. Le iniziative gestite dalla Cooperativa Terramare

Di   /  12 dicembre 2014   

21 settembre

Anche tra il 14 dicembre e l’11 gennaio il Museo Archeominerario di Castiglione Chiavarese (MuCast, gestito dalla Cooperativa Terramare ) rimane aperto al pubblico con visite guidate ogni domenica sempre alle 10.30, alle 14.00 e alle 16.00.

Il MuCast è un museo interattivo e multimediale, è la galleria XX Settembre, l’unica visitabile in Liguria con il suo percorso nel sottosuolo, è il sito preistorico di scavo che riporta il visitatore all’Età del Rame; è infatti la più antica miniera di rame dell’Europa Occidentale che ha una continuità di sfruttamento che percorre circa 5000 anni di storia, con la frequentazione nell’epoca bizantina e poi nell’epoca moderna. E’ anche per questo che il MuCast è storia e vita assieme, vita dei minatori che hanno frequentato quei monti e quelle gallerie sotterranee. Ed è per questo che la visita al Museo ci permetterà di ripercorrere i passi di queste genti, contadini e minatori al tempo stesso, e ricalcare le loro giornate vissute centinaia di anni fa. Allora perché non scoprire assieme al MuCast come i lavoratori della miniera vivevano le festività, come il Natale entrava a passo lento nelle loro case e nel loro vivere quotidiano, creando decorazioni con poco, eppure con quel “poco” sembravano ricche comunque! Eh, sì, perché comunque Natale non è senza decorazioni anche per chi aveva meno di ciò che abbiamo noi oggi… E allora via libera a decorazioni da preparare e appendere, e dove non c’era l’abete c’erano altre piante, come ginepro o alloro, sempre a disposizione, pronte per essere decorate e “fingere” di essere abeti! Con questo il MuCast dà l’avvio a tre appuntamenti per bambini e famiglie: tre occasioni per creare con le proprie mani cose semplici e naturali, riprodurre reperti e oggetti osservati in museo, decorazioni da appendere al proprio albero di Natale, e non solo…

Si parte domenica 14 dicembre alle ore 14.00, con “L’alloro di Natale”, un laboratorio di riciclo creativo dedicato alla realizzazione di decorazioni natalizie personalizzate con materiali semplici e insoliti.

Si prosegue poi con domenica 21 dicembre alle ore 10.00 con “La dolce attesa del Natale”, quando i bambini potranno imparare cos’è l’archeologia in modo divertente e gustoso, con un piccolo laboratorio di cake design, per… aspiranti archeologi pasticceri! La festa di domenica 21 proseguirà poi a Castiglione Chiavarese in biblioteca, dove alle 15.30 arriverà Babbo Natale che porterà doni e merenda per tutti, offerta dalla Pro Loco, e per l’occasione sarà possibile visitare anche una piccola mostra di mini-presepi.

I laboratori natalizi del MuCast continueranno poi con martedì 6 gennaio quando “La Befana vien ‘quasi’ di notte” e, mentre alle ore 10.30 e alle ore 14.00 sarà possibile seguire le visite guidate al museo e alla galleria XX Settembre arricchite da racconti e storie sulle abitudini e sulla vita dei minatori di un tempo, alle 16.00 ci sarà una festa per tutti, con laboratori, giochi di abilità ed indovinelli per scoprire quali doni porta la Befana!

Tutti i laboratori sono indicati per bambini tra i 5 e i 12 anni, la prenotazione è obbligatoria telefonando al numero 0185 469139 oppure scrivendo a info@mucast.it e va effettuata entro le ore 17 del giorno precedente, quindi entro sabato 13 dicembre alle 17 per il laboratorio “L’alloro di Natale”, entro sabato 20 dicembre per “La dolce attesa del Natale” ed entro lunedì 5 gennaio per la festa di martedì 6 gennaio.

Ogni laboratorio ha un costo di 5 euro per ogni partecipante.

Il Museo rimane inoltre regolarmente aperto per le visite guidate.

Per ulteriori informazioni e per le prenotazioni delle visite guidate o dei laboratori: tel. 0185 469139 oppure email a info@mucast.it. Si ricorda, inoltre, che il MuCast è anche su Twitter, come @Mucast_Masso,  su Pinterest, TripAdvisor e Foursquare come Museo Archeominerario di Castiglione Chiavarese.

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

foto1

Se l’azienda chiude i lavoratori se la comprano. E nell’81% dei casi gli danno un futuro

Read More →