Sciopero della CGIL il 25 aprile. Coop Liguria ” Aperti nel rispetto di accordi che la CGIL ha sottoscritto”

Di   /  24 aprile 2018   

incoop

Relativamente alla scelta della CGIL di dichiarare sciopero per la giornata del 25 aprile, arriva la replica di Coop Liguria.

” I nostri punti vendita – si legge nel comunicato diffuso –  sono aperti il 25 aprile nel rispetto di accordi aziendali che la CGIL ha regolarmente sottoscritto e che, oltre alle aperture festive, normano tutta una serie di altri aspetti della relazione tra il personale e la Cooperativa: dalla corresponsione, ai lavoratori, di quote di retribuzione variabile legata ai risultati della gestione commerciale alla possibilità di autogestire in parte il proprio orario di lavoro; dai limiti alle quantità di domeniche e festività lavorabili dal singolo individuo alle chiusure, per tutta la rete di vendita, in altre importanti giornate festive.
Per agevolare il personale, abbiamo predisposto un sistema di gestione delle presenze che permette di conoscere i turni con largo anticipo. Chi lavora durante le feste, inoltre, ottiene adeguate maggiorazioni economiche, tanto che non è infrequente, per chi preferisce stare a casa, trovare un collega disposto a sostituirlo nel turno festivo. Tutti coloro che lavorano di domenica, infine, hanno diritto a un giorno di riposo compensativo nella stessa settimana.
Troviamo quindi profondamente scorretto da parte della CGIL dichiarare sciopero sul tema dell’apertura del 25 aprile, quando questa apertura è frutto di un percorso di concertazione, che ha visto entrambe le parti scendere a compromessi e ottenere reciproche concessioni.
Se quegli accordi aziendali devono essere messi in discussione, allora dovranno esserlo nella loro globalità, perché nelle relazioni sindacali non si può chiedere senza essere disposti a dare.

Come Cooperativa siamo convinti che gli Accordi aziendali in essere siano equilibrati e più che idonei a tutelare il nostro personale, una convinzione evidentemente condivisa anche dagli altri due Sindacati confederali – CISL e UIL – che non hanno ritenuto di metterli in discussione.
A ulteriore conferma c’è il fatto che l’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza ci ha inseriti nella classifica ‘Top Welfare’ tra le migliori imprese italiane quanto a politiche per il personale.

La scelta di aprire il 25 aprile non è una decisione che abbiamo preso a cuor leggero. Nasce dall’esigenza di garantire un servizio ai nostri Soci e consumatori e dalla volontà di tutelare l’occupazione e il patrimonio intergenerazionale della Cooperativa, che non può permettersi di abbassare le saracinesche quando tutti i concorrenti rimangono aperti, in un contesto di crisi non ancora del tutto superata.

Per conciliare l’apertura con i nostri valori cooperativi di libertà e uguaglianza, utilizziamo i punti vendita come veicolo per tenere viva la memoria della Resistenza, affiggendo manifesti che ricordano la ricorrenza.
Inoltre, sosteniamo e promuoviamo numerose iniziative su tutto il territorio ligure, in collaborazione con le ANPI, i Comuni, i Municipi e le associazioni locali.
UN PO’ DI NUMERI SULLE APERTURE FESTIVE
Nel 2017, nei nostri punti vendita, hanno effettuato acquisti di domenica oltre 3,5 milioni di persone.

Per coprire il lavoro ordinario domenicale la Cooperativa ha utilizzato poco meno di 200 full time equivalenti, che corrispondono a 400 part time.
Senza le aperture domenicali, quell’organico sarebbe in esubero.

Nel complesso, le retribuzioni maggiorate complessive di coloro che nel 2017 hanno lavorato di domenica sono state pari a più di 5 milioni di euro.

A tale importo va sommato quanto corrisposto ai lavoratori a titolo di straordinario festivo aggiuntivo (cioè pagato con maggiorazione in aggiunta al trattamento economico previsto per le giornate di festività nazionale) che è stato pari a 800 mila euro.

Qualora le aperture domenicali e festive venissero cancellate, quindi, andrebbero persi quasi 6 milioni di euro di reddito, oltre ai versamenti contributivi corrispondenti per lo Stato e gli Enti locali”.

  • Fanciulli " Tonnarella di Camogli: l'unica all'interno di un' Area Marina Protetta "
  • Fava " Con il crowdfunding mettiamo la Tonnarella in rete "

You might also like...

black-and-white-2097933_960_720

E’ mancata Linda Viacava. Il cordoglio del mondo coop per Alessandro Frega e il figlio Emanuele

Read More →