Presentato il nuovo Padiglione dei Cetacei all’Acquario di Genova

Di   /  26 luglio 2013   

acquario1

E’ stato presentato  il nuovo Padiglione Cetacei dell’Acquario di Genova che costituisce un importante ampliamento della struttura, giunta al suo ventunesimo anno di età. L’opera, unica nel suo genere, è stata realizzata grazie all’impegno congiunto di Porto Antico di Genova SpA, Costa Edutainment SpA e Comune di Genova.

Posizionato tra il corpo principale dell’Acquario e la Grande Nave Blu, il nuovo Padiglione  – progettato da Renzo Piano Building Workshop, con la collaborazione di Officina Architetti – si integra all’interno dell’Area Porto Antico con un impatto visivo leggero grazie alla superficie vetrata del lato Sud e all’altezza del percorso dei visitatori che si erge a soli 3 metri sopra il livello del mare. È composto da quattro vasche a cielo aperto – vasca espositiva principale, nursery, vasca medica e vasca curatoriale – che potranno ospitare fino a 10 tursiopi.

Oggi, la vasca espositiva principale non ospita ancora animali ed è in fase di riempimento, per poter mettere in risalto il grande lavoro che sta dietro la costruzione di una struttura di questo genere. I delfini sono visibili nella adiacente nursery, che ha un volume simile alla vasca che fino ad oggi ospitava i tursiopi e che tuttora ne ospita tre (Linda, Teide, Naù). In particolare, il pubblico nella nursery del Padiglione può ammirare i tre nuovi esemplari Betty, Robin e Mia, rispettivamente mamma, papà e figlia.

Una volta riempita, la vasca principale potrà accogliere tutti e sei gli esemplari.

L’apertura al pubblico è confermata a partire da sabato 27 luglio.

Il prezzo del biglietto di ingresso all’Acquario di Genova così ampliato e rinnovato non subirà variazioni fino a quando tutte le vasche del nuovo Padiglione non saranno a regime, presumibilmente entro i prossimi giorni.

Un’opera che indubbiamente rilancerà ulteriormente l’interesse verso l’Acquario. Una buona notizia per la città e  per il mondo cooperativo. Le guide della Coop. Dafne sono infatti le guide ufficiali dell’Acquario di Genova, del Museo Galata del Mare e del Tour Operator Incoming Liguria

 

Il percorso di visita

Il percorso di visita è strutturato su due livelli per consentire al pubblico di ammirare gli animali sia dall’alto, sia da una prospettiva subacquea.

Il visitatore proveniente dall’Acquario, entra nella nuova sezione espositiva e ha una prima visione della Main pool dall’alto. Qui, grazie a una parete vetrata lunga 30 metri che può essere aperta, può ascoltare in presa diretta l’ampio repertorio che questi animali utilizzano per la comunicazione stabilendo così un contatto più ravvicinato con essi. Grazie alla posizione della piattaforma di lavoro degli addestratori, progettata proprio al di là di questa parete vetrata apribile, l’attenzione del pubblico si concentra sui delfini anche nelle fasi di addestramento: gli animali possono infatti essere osservati di fronte ponendoli così al centro dell’attenzione.

Attraverso delle vere e proprie carte d’identità, i visitatori possono conoscere i sei esemplari, quattro femmine e due maschi, ospitati al momento dell’apertura: Linda, ospite della struttura dal 2006 e proveniente dal Belgio, Naù, arrivata da Gardaland a marzo 2013, Betty, mamma di Naù e Mia, e Mia, arrivate entrambe da Gardaland a luglio 2013; i due maschi, provenienti anche loro da Gardaland, Teide, ospite a Genova dall’inizio del 2012, e Robin, papà di Naù e Mia, arrivato a luglio 2013. In questo modo si propone al visitatore la possibilità di immedesimarsi nel ricercatore utilizzando sugli esemplari mantenuti le stesse tecniche di identificazione per i censimenti degli osservatori in mare.

In questa prima parte del percorso, il visitatore riceve il benvenuto nell’area divulgativa con informazioni sul Santuario Pelagos, l’area marina protetta di circa 90.000 km2 creata nel 2001 grazie a un accordo tra Francia, Italia e Principato di Monaco, sulla biologia e la storia evolutiva delle 8 specie di Cetacei che sono regolarmente presenti in quest’area – balenottera comune, capodoglio, zifio, grampo, globicefalo, delfino comune, stenella, tursiope – e anche alcuni suggerimenti su un corretto approccio all’avvistamento in mare aperto che sia rispettoso degli animali e del loro habitat naturale.

La vasca espositiva principale presenta inoltre al piano superiore una piattaforma a cielo aperto, progettata per consentire a visitatori con disabilità motorie di accostarsi alla vasca e agli animali. Questo spazio è stato ideato per lo sviluppo di progetti sociali rivolti principalmente a bambini disagiati cui Costa Edutainment mette a disposizione il proprio personale due volte al mese per una visita gratuita a bordo vasca.

Dopo aver percorso circa 60 metri, il visitatore accede al Padiglione Biodiversità, il percorso di visita ospitato all’interno della Nave Blu e riaperto al pubblico dopo i lavori di riallestimento.

Grazie a un importante lavoro di restyling, il visitatore accede attraverso una rampa interna direttamente nell’area della costa rocciosa Mediterranea che ospita la vasca tattile. Prosegue quindi nella zona dedicata al Madagascar dove può ammirare la vasca della laguna tropicale, completamente riallestita, l’area didattica dei coralli dove è possibile addentrarsi in una ricostruzione della scogliera corallina tropicale, la parete vegetale progettata dall’architetto francese Patrick Blanc e la ricostruzione della foresta malgascia degli Tsingy.

Una volta conclusa la visita al Padiglione Biodiversità sulla Nave, il visitatore ritorna al nuovo Padiglione Cetacei in un percorso che dalla superficie porta alla profondità del mare verso una vista sottomarina. Qui il pubblico passa in un tunnel vetrato lungo circa 15 metri che, grazie alla forma curva si addentra parzialmente nel volume della vasca espositiva principale, offrendo scorci e viste insolite ed emozionanti della vita acquatica, con i delfini che nuotano anche al di sopra della testa dei visitatori.

L’esperienza di visita che consente una vera e propria “immersione” subacquea grazie ai grandi acrilici del piano inferiore della vasca principale è stata a cura degli architetti Michael Oleksak e Ginette Castro dello studio Cosestudi, che già aveva collaborato per la progettazione della vasca dei pinguini e ancora prima nel progetto originario dell’Acquario di Genova.

In questa parte del nuovo Padiglione, i visitatori possono approfondire il tema della ricerca sui Cetacei, con particolare riferimento ai progetti in cui l’Acquario di Genova e la Fondazione Acquario di Genova Onlus sono impegnati da anni, con particolare riferimento a Delfini Metropolitani e Intercet. Il pubblico impara alcune delle tecniche con cui i ricercatori portano avanti i progetti, quali ad esempio la fotoidentificazione, possono avere un quadro completo dell’area monitorata dai progetti e dei risultati ottenuti negli anni e conoscere da vicino gli esemplari monitorati dal progetto, con la loro storia, i loro comportamenti, gli spostamenti e altre curiosità.

In questa stessa area, viene proposta al pubblico la possibilità di assumere un ruolo attivo nei confronti della ricerca che si svolge presso l’Acquario di Genova, acquistando la app “Happy Fin adotta il tuo delfino”. L’adozione di uno dei delfini metropolitani monitorati attraverso i progetti di ricerca e lo stimolo del gioco interattivo e didattico sviluppati sugli aspetti biologici ed ecologici del tursiope nel suo ambiente contribuiranno a sostenere questi progetti.

Gli allestimenti delle aree divulgativa e scientifica del nuovo Padiglione – curati dagli studi torinesi TODO e yet|matilde – propongono un percorso educativo ed esperienziale in cui diversi media sono stati calibrati per offrire una narrazione spaziale in grado di integrare l’emozione dell’esperienza immersiva con la puntualità della narrazione scientifica.

Arrivati in fondo a questo percorso, i visitatori tornano nella struttura principale dell’Acquario per terminare la visita.

 

Esposizione di reperti etruschi

All’interno del Padiglione, saranno esposti alcuni importanti reperti etruschi e romani emersi dai lavori di scavo e preparazione del fondo marino, per recuperare i quali si sono resi necessari lavori subacquei straordinari. I reperti testimonieranno l’importante attività commerciale del porto di Genova nei tempi antichi, datando questa stessa attività intorno al 450 a.C., con 200 anni di anticipo rispetto a quanto finora affermato.

I reperti saranno esposti da Costa Edutainment grazie all’accordo di valorizzazione che verrà finalizzato con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria.

Speciale pacchetto Padiglione Cetacei kids

Per festeggiare il nuovo Padiglione Cetacei, Costa Edutainment attraverso il suo tour operator Incoming Liguria ha ideato uno speciale pacchetto dedicato alle famiglie con bambini.

Il pacchetto comprende il pernottamento per 1 notte per due adulti e due bambini (fino 12 anni) con prima colazione in camera  “Kids” presso Best Western Porto Antico***a Genova, ingresso all’Acquario di Genova e ingresso a La città dei bambini e dei ragazzi per 2 adulti + max 2 children (4/11 anni) –   tot € 199,00 per soggiorni WEEK END a partire dal 3 agosto al 30 Settembre 2013. Le famiglie che prenotano il pacchetto, ricevono un Delfino peluche eco-solidale per ognuno dei 2 bimbi (fino ad esaurimento scorte), offerto da Costa Edutainment per festeggiare il nuovo Padiglione Cetacei.

Disponibilità limitata e soggetta a riconferma. Per info e prenotazioni: Incoming Liguria, tel. 010/2345.666, info@incomingliguria.it. Riduzione soggiorni infrasettimanali (domenica-giovedì)  € 15,00.

  • Barni " Il miglior complimento? Coopculture è un network nazionale "
  • Costa " Costa e coop: convinciamo insieme i Ministeri a fare gare premiando la produttività"

You might also like...

mac

SWG e Legacoop Liguria: una ricerca spiega i giovani alle prese con la rivoluzione digitale

Read More →