My Brother ! Quando cooperazione e servizi educativi sono anche un gioco

Di   /  7 marzo 2017   

Cover_MyBrother

Pronti a giocare? Giovedì 9 marzo presentazione di My Brother! grazie all’iniziativa promossa da Coopsse e il Centro Servizi Famiglie Valpolcevera. Un’occasione per conoscere da vicino il gioco, sugli equilibri in famiglia dove la sfida è vincere insieme, sviluppato dalla Cooperativa Demoelà.
” Nell’ambito della missione della nostra cooperativa e delle finalità dei servizi che gestiamo – spiega Luca Oddone, vice presidente di Coopsse – questa occasione ci permette di tenere assieme la promozione virtuosa della cooperazione come opportunità di impresa per i giovani, collegandola agli obiettivi educativi del nostro agire quotidiano nei servizi educativi”.

Demoelà (http://www.demoela.com/) è una cooperativa di giovani che nasce da una idea di appassionati al gioco di società premiata nell’ambito del Bando Coop Liguria Start Up, bando presentato da COOP Liguria per il suo 70° anniversario in collaborazione con Legacoop Liguria e con il progetto Coopstartup di Coopfond rivolto a giovani under 40 per favorire lo sviluppo di idee imprenditoriali capaci di apportare benefici alla comunità locale.
” Come Cooperativa aderente a Legacoop – conclude Luca Oddone, vice presidente di Coopsse – siamo lieti di sostenere un progetto innovativo di impresa cooperativa promosso da giovani che danno forza al movimento cooperativo. Il gioco della cooperativa Demoelà, My Brother, è divertentissimo e tutte/i possono giocarci: il 9 marzo presso il Centro di Aggregazione daremo vita a sessioni di gioco aperte a tutti”.
Al link http://www.demoela.com/my-brother/ ulteriori informazioni sul gioco.
Appuntamento giovedì 9 marzo alle 15 in Piazza De Caroli 4 in Valpolcevera, a Genova,  presso il Centro di Aggregazione.
Per info: 335/1838233

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

foto1

Se l’azienda chiude i lavoratori se la comprano. E nell’81% dei casi gli danno un futuro

Read More →