La Coop L’arco di Giano vi porta sulla Bella di Firenze e la Vergine di Collebeato

Di   /  18 gennaio 2018   

barche1

Questa mattina, giovedì 18 gennaio, nel contesto del parco storico di Villa Durazzo Pallavicini a Pegli, l’assessore al Turismo, Commercio e Artigianato, Paola Bordilli, insieme ai rappresentanti dell’A.T.I. – composta da A.P.S. Amici di Villa D. Pallavicini, lo Studio Ghigino&associati architetti e la coop. soc. L’arco di Giano – ha inaugurato due nuove barchette, recentemente restaurate, a disposizione dei visitatori che vogliano godersi il Lago Grande nel weekend del 20/21 e 27/28 gennaio dalle 10 alle 16.

“Un’iniziativa bellissima che ricompone l’album dei ricordi di molti genovesi e da far provare a tutti i turisti che visiteranno la nostra città – ha affermato l’assessore a turismo, commercio e artigianato Paola Bordilli – L’obiettivo è quello di riscoprire, richiamando il passato, l’uso delle barche che, proprio in questa villa, ci fanno vivere l’acqua al di fuori dal contesto marino, il fascino e l’appeal delle ville cittadine, per inserirle sempre più nei percorsi turistici della nostra città. Le due barche, con i colori dell’800, sono dedicate a due importanti camelie. Un’iniziativa destinata ad avere delle ricadute anche nel tessuto commerciale anche delle delegazioni”.

L’idea di offrire ai visitatori l’emozione della gita in barca, recuperando una antichissima tradizione che risale all’epoca di Michele Canzio e del marchese Pallavicini, la si deve all’iniziativa dell’ATI, il consorzio che da un anno e mezzo ha in gestione il Parco.

Sono state quindi acquistate due barchette usate, restaurate dal personale della coop. L’Arco di Giano e dedicate a due famose camelie del giardino, la Bella di Firenze e la Vergine di Collebeato.

Si completa così, con il terzo atto, la narrazione scenografica-filosofica offerta ai visitatori, che prende il via con l’ingresso nell’oscurità delle grotte, per poi concludersi all’aperto, navigando nella luce soffusa del Lago Grande, circondato da una splendida vegetazione

All’epoca di Michele Canzio e del marchese Pallavicini esisteva una elegantissima barchetta con la prua a collo di cigno, poi sono sopraggiunte barche più comuni, due delle quali, ormai non più utilizzabili, sono ancora parcheggiate sulle rive del lago come un prezioso ricordo. Alcuni disegni dell’ottocento e fotografie di inizio novecento testimoniano questa antica tradizione.

In occasione della mostra Antiqua che si terrà alla fiera di Genova dal 20 al 28 Gennaio e che ospiterà uno stand dedicato al parco, le due barchette saranno a disposizione dei visitatori che vogliano godersi il Lago Grande nel weekend del 20/21 e 27/28 gennaio dalle 10 alle 16.

  • Intervento del Prefetto Ennio Maria Sodano al convegno “Agire La Legalità”

You might also like...

A dumenega04

Con Coop Liguria tavole e cortometraggi su Crêuza de mä

Read More →