La Coop C.M.C. di Sanremo si aggiudica la gestione del Museo di arte contemporanea di Imperia

Di   /  13 ottobre 2016   

villa-faravelli

Sarà la Cooperativa “Cmc” di Sanremo a gestire il Museo d’Arte Contemporanea di Imperia, subentrando all’Istituto degli Studi Liguri. L’affidamento avrà carattere biennale, con possibilità di rinnovo per un anno ulteriore.Il progetto presentato dalla CMC nell’ambito del bando presentato dal Comune lo scorso agosto, si svilupperà secondo alcuni punti chiave quali la valorizzazione della collezione dell’ Arch. Lino Invernizzi esposta all’interno di Villa Faravelli, sede del museo, la messa in atto di un’azione promozionale dinamica e rinnovata, l’organizzazione di laboratori didattici rivolti alle scuole, la programmazione di eventi culturali collaterali all’esibizione permanente, come personali di giovani artisti, conferenze, workshop, spettacoli musicali e non solo.
Dichiara il Presidente di CMC, Angelo Giacobbe: “Il nostro interesse verso l’organizzazione dei servizi culturali del M.A.C.I. di Villa Faravelli, è motivato dalla convinzione che questo rappresenti una realtà di significativo valore culturale, forte di una significativa potenzialità da sviluppare. Crediamo che una efficace attività di gestione e promozione del M.A.C.I. rappresenti un’occasione per il rilancio della città di Imperia, per il pubblico cittadino ed in grado di sviluppare una ricaduta positiva a livello turistico.

Il museo manterrà gli stessi orari d’apertura attuali. Sarà visitabile il giovedì dalle 16 alle 19, il sabato dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19 e la domenica dalle 9.30 alle 12.30, ma Giacobbe non esclude modifiche. “Vedremo durante le festività. Anche il prezzo del biglietto non cambierà“.

La CMC è una realtà organizzativa con sede a Sanremo, è attiva dal 2001 sul territorio, a livello nazionale e anche all’estero, che da sempre si distingue per un particolare cifra multidisciplinare messa in atto nei progetti realizzati e in essere.

Il “dialogo” tra letteratura, musica, teatro e arti figurative – continua Giacobbe – è elemento caratterizzante della nostra professionalità, elemento che riteniamo possa costituire un valore concreto per una azione organizzativa trasversale e completa dei servizi culturali del M.A.C.I. e degli spazi di Villa Faravelli. Punto cruciale del nostro lavoro e fine ultimo nel raggiungimento dei nostri obiettivi, è in breve quello di fare del M.A.C.I. un luogo in cui l’arte e la sensibilità verso di essa trovino spazio e nuovo valore attraverso l’intrattenimento e la formazione, divenendo punto di incontro.

  • Barni " Il miglior complimento? Coopculture è un network nazionale "
  • Costa " Costa e coop: convinciamo insieme i Ministeri a fare gare premiando la produttività"

You might also like...

vigneto

Con Brigì questa domenica si cammina tra i vigneti

Read More →