Il Cerchio Magico si può realizzare anche in campo ambientale con COOPSSE

Di   /  30 maggio 2015   

coopsse

Il Cerchio Magico si può realizzare anche in campo ambientale. Nell’ambito della programmazione delle attività educative del Centro Socio Educativo Diurno “il Cerchio Magico” la Cooperativa COOPSSE infatti ha sperimentato forme di “attivazione sociale e avvicinamento al lavoro per i giovani” dando luogo a un’azione con ricadute educative e sociali importanti sia per i beneficiari diretti del Centro Socio Educativo Diurno sia per la comunità entro cui il servizio è inserito.

Il percorso è stato praticato coinvolgendo ragazzi e ragazze seguiti dal CSED in attività come il riordino di materiali che non presentino caratteristiche di pericolosità e la raccolta di materiali inerti come rifiuti comuni che non presentino caratteristiche di pericolosità (bottiglie di plastica, lattine, carta, foglie, legname, pneumatici ecc.)
Le attività che hanno svolto i ragazzi hanno prodotto effetti su contesti a loro familiari rendendoli partecipi del miglioramento e alla cura della loro comunità della Valpolcevera.
I ragazzi e gli educatori hanno concordato i luoghi dove intervenire, luoghi sentiti come prossimi e vicini ai minori e hanno progettato ed eseguito insieme il percorso.
Dopo alcune esperienze di prova, è stata intrapresa la pulizia di alcune zone del sentiero che da Forte Crocetta porta al Diamante.
” Rilevata una DISCARICA ABUSIVA che incide su di un corso d’acqua stagionale sul versante che porta al fiume Polcevera – spiegano i responsabili della cooperativa – abbiamo avviato l’azione di bonifica e in un quattro cinque giornate di lavoro abbiamo rimosso più di un centinaio di pneumatici dei circa duecento che inquinano lo stesso rio”.
Il progetto è culminato con la raccolta di AMIU che ha provveduto in questi giorni al ritiro dei rifiuti dopo l’ultimo trasporto da parte dei ragazzi dal sentiero alla zona prospicente il forte Crocetta.

” E’ nostra intenzione proseguire l’opera di rimozione dei pneumatici nei mesi prossimi – concludono dalla sede di COOPSSE – e a tal fine avvieremo un’attività di ricerca fondi, aperta anche a piccole donazioni da parte di privati cittadini, sperando d’incontrare il massimo sostegno per un’attività che mette al centro la cura del territorio, l’attenzione ed il rispetto per l’ambiente, uno stile di vita responsabile e sostenibile, l’educazione alla legalità”.

Per maggiori informazioni www.coopsse.it oppure chiamando Federico Persico al n. 3343446833.

  • Barni " Il miglior complimento? Coopculture è un network nazionale "
  • Costa " Costa e coop: convinciamo insieme i Ministeri a fare gare premiando la produttività"

You might also like...

mac

SWG e Legacoop Liguria: una ricerca spiega i giovani alle prese con la rivoluzione digitale

Read More →