Giornata Internazionale delle Cooperative con le frasi di Pertini

Di   /  5 luglio 2013   

cooperazione_mani_mondo_530

Sabato 6 luglio  è la Giornata Internazionale ONU delle Cooperative che si celebra ogni anno il primo sabato del mese di luglio.

Legacoop Liguria ha trasmesso a tutte le Cooperative associate una serie di citazioni tratte dalla tesi inedita del presidente Sandro Pertini “ La cooperazione”, realizzata nel 1924 e recentemente ripubblicata da Ames con il sostegno di Legacoop Liguria.

“Abbiamo fatto questa scelta consci della attualità di questi temi a quasi cento anni di distanza  – spiega Gianluigi Granero, presidente di Legacoop Liguria -. A dimostrazione che i valori etici della cooperazione sono ancora oggi una possibile soluzione alle problematiche che dobbiamo affrontare.

Di fronte a questa crisi di sostenibilità in termini economici, il modello cooperativo ha dimostrato – pur tra molte difficoltà da affrontare – la sua capacità di resistenza.

Senza dimenticare la dimensione sociale. Mentre assistiamo ad una situazione di grande difficoltà economica ed i governi sono sotto pressione per ridurre i costi delle prestazioni sociali, le cooperative offrono ai cittadini la possibilità di disegnare una società con prospettive anche diverse”.

 

Ma quali sono le tre frasi di Pertini ancora oggi così attuali?

La cooperazione è

“Piccolo frutto di una grande idea, sbocciata dal cervello di uomini semplici, sotto la pressione del bisogno, come la sintesi giusta di un lungo e sapiente lavoro di osservazione e di esperienza”

“combatte lo stimolo del profitto quando agisce sulla speculazione disonesta ed anti-economica, e su quella forma parassitaria, che non concorre ad accrescere la produzione delle cose utili, ma crea tutta una rete di malsani interessi e di artificiose operazioni, destinate a turbare i servizi della produzione e della distribuzione e ad accrescere quindi le spese generali della grande azienda sociale. Ed è precisamente contro questa azione di speculazione affaristica, esercitata dal capitale, che il lavoro con la cooperazione si ribella”

”Per questo riteniamo, che la cooperazione non debba vivere fuori del movimento operaio, ignorarlo, perseguendo unicamente i suoi scopi economici, ma deve entrare in esso, unirsi a tutte le altre forme in cui si concretizza la lotta del lavoro, divenendo forza di elevazione morale, non solo economica, della classe operaia.

Allora le cooperative non rimarranno solo dei deboli organismi dispersi nel vasto campo della concorrenza, ma diverranno tante scuole ove l’operaio salariato educherà la sua mente, per poter essere domani un buon produttore indipendente.

Solo così i cooperatori potranno veramente dirsi i Pionieri, che schiudono alle classi lavoratrici, la via dall’avvenire.”

Il libro è stato donato per l’occasione da Legacoop Liguria al Segretario Generale ONU Ban Ki-moon, a Dame Pauline Green Presidente dell’Alleanza Cooperativa Internazionale, a Dirk J. Lehnhoff Presidente della Assemblea Generale di Cooperatives Europe, a Giuliano Poletti, Presidente ACI.

In allegato i messaggi del Segretario Generale delle Nazioni Unite e dell’Alleanza Cooperativa Internazionale

  • Barni " Il miglior complimento? Coopculture è un network nazionale "
  • Costa " Costa e coop: convinciamo insieme i Ministeri a fare gare premiando la produttività"

You might also like...

mac

SWG e Legacoop Liguria: una ricerca spiega i giovani alle prese con la rivoluzione digitale

Read More →