Coop Drive mette il turbo. Oltre 2000 le “spese” realizzate all’Aquilone

Di   /  7 febbraio 2017   

Coop Drive3

Meno di tre mesi di operatività e Coop Drive mette il turbo. Sono oltre 2000 le “spese” realizzate all’Aquilone con questo   nuovo modo facile e veloce per fare la spesa. E’ una sorta di terza via agli acquisti online, perché la spesa si fa su internet, collegandosi al sito www.laspesachenonpesa.it, come in un comune servizio di e-commerce, ma gli acquisti non vengono recapitati a casa, bensì è l’utente ad andarli a ritirare già pronti, e senza costi aggiuntivi, nel parcheggio dell’ipermercato.

‘Con il ‘Coop Drive’ – spiega il Presidente di Coop Liguria Francesco Berardini – offriamo ai Soci e ai consumatori genovesi l’opportunità di risparmiare un bene preziosissimo: il tempo. A fare la loro spesa, infatti, pensiamo noi. Si tratta di una tipologia di servizio già molto diffusa all’estero, ad esempio in Francia, dove è presente in numerosi punti vendita ed è molto apprezzata dalla clientela, visto che i ritmi di vita nelle nostre città sono ormai sempre più frenetici”.

 

 

Effettuare acquisti al ‘Coop Drive’ è molto semplice: basta collegarsi al sito www.laspesachenonpesa.it, cliccare sul pulsante rosso con la scritta Ipercoop L’Aquilone, selezionare i prodotti da mettere nel carrello e indicare il giorno e la fascia oraria in cui si desidera effettuare il ritiro, che avviene in un’area dedicata del parcheggio dell’ipermercato. A confezionare gli acquisti è una squadra di otto addetti dell’Ipercoop L’Aquilone. Se l’utente lo desidera ed è disponibile a lasciare il proprio recapito telefonico, l’operatore lo contatterà qualora uno dei prodotti della sua spesa risulti mancante e debba essere sostituito con un prodotto alternativo. In caso contrario, il prodotto mancante non sarà sostituito e risulterà inevaso. Una volta concluso l’ordine, l’utente riceverà sul suo indirizzo e-mail un messaggio di conferma, contenente il codice numerico e il Qr code che identificano la sua spesa. Gli acquisti si possono effettuare anche senza registrarsi sul sito. Ai Soci di Coop Liguria, però, è consigliato effettuare il log in, per beneficiare degli sconti a loro riservati e accumulare sulla propria carta SocioCoop i punti corrispondenti al valore degli acquisti effettuati.

 

” Dopo questi tre mesi i dati sono molto soddisfacenti – spiega Giovanni Clavarino, responsabile organizzativo dell’area ipermercati e dell’innovazione di Coop Liguria -. I soci e i consumatori apprezzano questo modello che gli permette di abbinare la spesa all’Aquilone magari ad una gita fuori porta o ad impegni lavorativi. Le ore serali sono quelle più gettonate e dopo un periodo di studio iniziale, le persone hanno capito il vantaggio di poter scegliere fra le oltre 18.000 referenze di prodotti all’Aquilone nonché la nostra capacità di tenere sotto controllo la catena del freddo”.

 

Il pagamento della spesa può avvenire direttamente online al momento dell’ordine, con carta di credito, oppure all’atto del ritiro, solo con bancomat, carta di credito o con la carta Sociocoop di Più. Sugli acquisti effettuati presso il Coop Drive non è ancora possibile usufruire di sconti che prevedono la consegna di coupon cartacei o dei buoni di reso. Al ‘Coop Drive’ non è nemmeno possibile pagare con i buoni pasto o convertire in sconto i punti accumulati sulla carta Sociocoop.

 

 

Il ritiro degli acquisti che transitano dal ‘Coop Drive’ può avvenire quando siano passate almeno due ore dall’invio dell’ordine, per dare tempo agli addetti di confezionare la spesa. In ogni caso, quando l’utente sceglie la fascia oraria preferita, il sistema deve approvarla, tenendo conto anche del numero massimo di ritiri effettuabili in uno stesso orario. Il tempo a disposizione di ciascun utente per il ritiro è un’ora, nell’arco della quale può arrivare quando preferisce. Chi dovesse tardare, può avvisare per farsi mantenere da parte gli acquisti. Per effettuare il ritiro, gli utenti devono recarsi nell’area del parcheggio dove è allestito il Coop Drive (piano terra, lato uscita), dove trovano i totem dedicati al servizio, che permettono loro di identificarsi e di contattare gli operatori addetti alla consegna delle spese. L’identificazione dell’utente può avvenire in tre modi: se è già registrato ed è Socio della Cooperativa, può passare sotto un apposito scanner la propria carta Sociocoop. Il sistema riconoscerà l’ordine e lo invierà agli operatori, mentre il monitor touch screen del totem comunicherà all’utente in quale piazzola di sosta recarsi per attendere la consegna della spesa. Se l’utente non è Socio o non si è registrato, può passare allo scanner il codice QR ricevuto sulla mail di conferma dell’ordine, oppure digitare il codice numerico corrispondente su un apposito tastierino. Anche in questo caso, il totem indicherà dove recarsi per la consegna degli acquisti. L’operatore, a quel punto, raggiungerà il cliente consegnandogli la spesa già confezionata e consentendogli di effettuare il pagamento con un terminale portatile, qualora non abbia già pagato online.

Il ‘Coop Drive’ si rivolge soprattutto alle persone che lavorano e hanno poco tempo da dedicare alla spesa, ma preferiscono passare a ritirarla personalmente, perché trascorrono poco tempo a casa. Con il Coop Drive, infatti, non sei tu che aspetti la spesa, ma è la spesa che aspetta te. Il servizio assicura rapidità e garantisce la corretta conservazione dei cibi,  compresi quelli freschissimi e surgelati, che vengono stoccati in appositi banchi frigo e collocati nella borsa della spesa solo al momento della consegna. Anche per chi sceglie di pagare online, la transazione effettiva avviene solo al momento del ritiro della spesa, perché questa potrebbe contenere prodotti inevasi e perché non è possibile stimare in anticipo il prezzo esatto dei prodotti a peso variabile.

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

foto1

Se l’azienda chiude i lavoratori se la comprano. E nell’81% dei casi gli danno un futuro

Read More →