Coop Culture e Coop Zoe aprono la Casa di Colombo anche nella Notte dei Musei

Di   /  16 maggio 2014   

casa colombo

Dal 1° maggio la Società Cooperativa Culture e la Cooperativa ZOE – Gestione Servizi Culturali SCarl sono i nuovi gestori della Casa di Colombo. Sono state loro infatti ad aggiudicarsi il bando di gara predisposto dal Comune per la nuova forma di gestione unitaria dei servizi museali che fanno capo al Museo di Sant’Agostino. Un progetto di ampio respiro, che vuole dare luce ad una delle eccellenze della città, sulla quale puntare sia dal punto di vista del recupero delle tradizioni che in chiave di promozione turistica.

Abitualmente, nel passaggio da una gestione a un’altra, qualsiasi struttura aperta al pubblico – soprattutto se museale – osserva un periodo di chiusura per consentire un’organizzazione che non pregiudichi la normale fruizione del servizio. Per la Casa di Colombo la Civica Amministrazione, in accordo con i nuovi conduttori, ha deciso di mantenere la continuità soprattutto in un periodo di alta stagione turistica: l’affluenza nel “ponte” del 1° maggio è stata infatti molto confortante.

Gli orari di apertura al pubblico risentono naturalmente di questo momento di passaggio e Comune di Genova e nuovi gestori stanno studiando i flussi per adeguamenti ed estensioni. Dalla prossima settimana La Casa di Colombo osserverà in via sperimentale un orario allargato al prezzo promozionale di 3 euro (dal martedì al giovedì: ore 14-18; dal venerdì alla domenica e nei giorni festivi: ore 10-18) e sarà aperta in occasione della Notte dei Musei (sabato 17 maggio) dalle 19 alle 23 al prezzo speciale di 1 euro.

Il bando di gara vinto da Società Cooperativa Culture e Cooperativa ZOE – Gestione Servizi Culturali SCarl comprende la gestione dei servizi, la responsabilità dell’accoglienza, della biglietteria e di un bookshop al Museo di Sant’Agostino, la conduzione delle Torri di Sant’Andrea e della Casa di Colombo e speciali percorsi guidati nella Genova Medievale.
Alla fine del mese verrà approntato un progetto che inserirà la Casa appartenuta al navigatore genovese all’interno di una gestione integrata che ne esalterà – anche attraverso nuovi e scenografici allestimenti interni – le caratteristiche uniche. Tra i servizi sono previsti anche un numero per la prenotazione delle visite, un sito internet e una pagina social per raggiungere ogni tipo di pubblico.

Società Cooperativa Culture è un’azienda leader nel settore dei beni culturali e ha sedi operative in tutta Italia, da Venezia a Torino, da Roma a Napoli e Palermo. Gestisce strutture di prestigio internazionale tra cui Palazzo Ducale di Venezia e il Colosseo, oltre agli Scavi di Ercolano e di Pompei, i Musei Civici di Torino e la Fondazione Maxxi di Roma. La Cooperativa ZOE è invece una società spezzina che si occupa dei servizi di base ed aggiuntivi di biblioteche, archivi, spazi museali e archeologici , concerti, spettacoli ed eventi culturali. A La Spezia gestisce il Museo Civico “Amedeo Lia”, il Museo del Castello di San Giorgio, la Palazzina delle arti e il Museo Etnografico e il Centro Arte Moderna e Contemporanea.

Insomma un “nuovo inizio” per la Genova medievale. Un periodo – il Medioevo – che fu un’epoca fondamentale per l’espansione del potere della città. Lo splendore e la magnificenza tra il Cinquecento e il Seicento – il cosiddetto “secolo d’oro”, momento in cui la Superba fu il cuore finanziario del Mediterraneo – affondano le proprie radici proprio nei secoli precedenti.

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

foto1

Se l’azienda chiude i lavoratori se la comprano. E nell’81% dei casi gli danno un futuro

Read More →