Comando Militare Esercito e Maris: lo Stabilimento Balneare svela una Genova mai vista

Di   /  7 luglio 2014   

Bagni Corso Italia

La Genova che non ti aspetti. Mangiando direttamente in spiaggia. A due passi dal mare.

Una possibilità che hanno tutti i soci dello Stabilimento Balneare Militare in Corso Italia. Una struttura del Comando Militare Esercito data in gestione alla Cooperativa Maris dopo una gara d’appalto.

“Da qui vediamo una Genova diversa. Sotto molti aspetti – spiega Fabrizio Augello, direttore generale della Maris -. Perché qui c’è anche la dimostrazione della capacità della cooperazione sociale di fare impresa, l’affermazione che tutti hanno diritto ad un lavoro.

Tutto questo con un rapporto speciale con l’istituzione per eccellenza: l’Esercito. Che ha avuto il merito di invitare anche il mondo della cooperazione a partecipare al bando per la gestione di questa struttura.

Sono passati quattro anni, ora ci apprestiamo a partecipare al nuovo bando con l’obiettivo di vincere. Perché questo lavoro rappresenta anche un progetto culturale che vogliamo continuare a sviluppare”.

Non è un caso che proprio in questi anni il numero dei soci sia salito in modo esponenziale: un riconoscimento al lavoro fatto da tutti.

“ Siamo passati da  350 soci ai  550/600 soci di quest’anno – conferma  il Generale Francesco Patrone, Comandante C.M.E. “ Liguria “ –. Grazie alla sinergia tra soci, Comando Militare Esercito e la cooperativa che ha in gestione la struttura.  Lo sforzo congiunto di questi soggetti ha permesso di raggiungere questo importante obiettivo.

Lo Stabilimento Balneare Militare è sostanzialmente l’enucleazione del Circolo Unificato dell’Esercito . I soci possono accedere ai diversi servizi sulla spiaggia e a quelli più specificatamente legati alla ristorazione”.

  • Granero " Sosteniamo i ragazzi liguri che hanno voglia di fare impresa"
  • Risso " I giovani trovano nelle coop uno strumento democratico per fare impresa "

You might also like...

foto1

Se l’azienda chiude i lavoratori se la comprano. E nell’81% dei casi gli danno un futuro

Read More →