Alternanza scuola – lavoro e turismo. Il reportage di tre studenti del Vieusseux di Imperia

Di   /  1 novembre 2016   

im1

Elena, Semsi e Davide del Liceo Scientifico G.P. Vieusseux di Imperia sono stati portati nella “magica” Triora dalla Cooperativa Hesperos, presso la quale stanno svolgendo il progetto di alternanza scuola-lavoro, con l’obiettivo di documentare e testimoniare l’incontro tra una delegazione di tour operator italiani ed europei e gli operatori del Parco Naturale delle Alpi Liguri che si è tenuto a fine ottobre: guide naturalistiche, educatori ambientali ed esperti del territorio chiamati ad illustrare agli ospiti le bellezze locali.

Ecco il loro resoconto dell’iniziativa.

Questo incontro a Triora era la prima tappa di un tour di una settimana che ha toccato tutti i Parchi Regionali della Liguria che hanno aderito all’iniziativa.

Abbiamo così scoperto che Triora, conosciuta prevalentemente per la caccia alle streghe che è protagonista del museo etnografico del paese, e il Parco delle Alpi Liguri, sono anche luoghi di cultura e di tradizioni che possono essere valorizzate attraverso pacchetti turistici utili ad attrarre visitatori da tutto il mondo.

<<La Liguria è una regione stupenda da visitare, poiché offre un esempio di biodiversità di flora e fauna, un ampio reparto enogastronomico e un vasto sguardo panoramico che si estende tra mare e monti. – dice l’accompagnatrice della Cooperativa Dafne che si occupa di coordinare i gruppi di tour operator – Il mio obiettivo è quello di far conoscere il territorio e i parchi regionali a gruppi e privati, promuovendo escursioni e turismo attivo, fuori dal classiche mete di massa.>>

Una delle ospiti, che gestisce un’agenzia di Lucca che organizza gruppi provenienti da tutta Europa, racconta la sua mission: quella di promuovere il “turismo slow”, che consiste in un approccio fuori dagli schemi, nel rispetto dell’ambiente e del paesaggio, delle tradizioni ed usi locali, delle tipicità ancora poco conosciute. Questo tipo di turismo attivo si contrappone al turismo di consumo e mira promuovere una ricerca indipendente e a valorizzare i luoghi e le ricchezze nascoste a cui viene data un’ingiustificata non-importanza.

Destinatari privilegiati di questi pacchetti-vacanze sono i gruppi e le famiglie provenienti dal nord Europa, più interessati alle attività outdoor: due ragazze del gruppo dei tour operator arrivano appunto dalla Lettonia e sono esponenti di “Happy Donkey”, agenzia che ha sede in Inghilterra. Un incontro che ha confermato le potenzialità di questo territorio da un punto di vista turistico.

Servizio a cura di
Davide Barca
Semsi Dogan
Elena Valle
per approfondire:

Home Page

  • Barni " Il miglior complimento? Coopculture è un network nazionale "
  • Costa " Costa e coop: convinciamo insieme i Ministeri a fare gare premiando la produttività"

You might also like...

finance

Agevolazioni sugli investimenti nell’Economia Sociale. Le opportunità per imprese e coop

Read More →